Testuggine palustre europea (Emys orbicularis)

è un rettile della famiglia delle Emydidae.

Diffusione della specie

L'Emys orbicularis è presente in quasi tutto il continente europeo (dalla penisola balcanica all'Anatolia, dal Nord Africa alla penisola iberica, in Francia, in Italia in Ungheria, in Polonia, in Lituania) con l'eccezione delle zone poste più a Nord (paesi scandinavi). Nella penisola iberica e nei Balcani convive con la Mauremys caspica, l'unica altra testuggine acquatica endemica presente nel continente europeo.

In Italia, dov'è presente come unica specie della famiglia degli Emididi, ha una distribuzione disomogenea e frammentata, tipica caratteristica di una specie minacciata. Ha, infatti, una discreta presenza nella Pianura Padana e nelle zone palustri della Maremma Toscana, in Lazio, in Campania e Calabria, mentre è quasi estinta in Liguria, Piemonte e Friuli-Venezia Giulia e del tutto assente in Valle d'Aosta e nelle zone montane dell'arco alpino e della dorsale appenninica. All'interno della Riserva naturale controllata Lago di Serranella, in località Sant'Eusanio del Sangro in Provincia di Chieti è stato realizzato un centro di recupero, dove si stanno riproducendo esemplari autoctoni, ed altri domestici.
Mentre nel passato veniva cacciata dall'uomo per scopi alimentari, oggi è principalmente minacciata dal progressivo scomparire del suo habitat naturale dovuto al prosciugamento delle zone umide e alla regimazione dei corsi d'acqua. Risente, come tutto l'ecosistema acquatico, del progressivo inquinamento delle acque, in particolare dell'immissione negli ambienti acquatici di sostanze tossiche quali i pesticidi ed i diserbanti. Altra rilevante minaccia è costituita dalla soppressione della vegetazione riparia effettuata con mezzi meccanici che ferisce gli esemplari adulti e ne distrugge i nidi.

Habitat

L’E. orbicularis preferisce acque tranquille, con fondale fangoso. La si trova in stagni, fossati, paludi, fiumi e canali, in zone ricche di vegetazione acquatica e dove la corrente dell’acqua è più lenta. Vive anche nelle acque salmastre come ad esempio le foci dei fiumi e le lagune costiere. È possibile trovarla anche in ambienti artificiali quali canali di irrigazione, laghetti nei parchi cittadini e in ogni habitat favorevole. Lo spazio vitale per ciascun individuo varia dai 600 ai 1600 m2; rispetto alle femmine i maschi hanno esigenze di spazio minori.

Descrizione della specie

Le femmine sono sempre più grandi dei maschi. I maschi raggiungono una lunghezza di 15-18 cm mentre le femmine 20-22 cm. Il piastrone (scudo ventrale) è composto da 12 elementi, ha un colore giallo sabbia uniforme con scarse venature più scure. Lo scudo dorsale (carapace) è collegato con il piastrone attraverso legamenti cartilaginei che favoriscono la mobilità di entrambe le parti, è ricoperto da 5 placche vertebrali, 8 costali e 25 marginali delle quali 1 nucale e 2 caudali. Il carapace è appiattito e ovale, il colore di fondo è molto variabile, va dal marrone oliva al verde scuro, fino al nero. Negli esemplari giovani sul carapace è presente una carena centrale che poi scompare completamente con la crescita. Il colore della pelle, della testa e degli arti va anch'esso dal giallo al verde scuro; anche sulla pelle sono presenti punteggiature gialle. Le dita sono provviste di unghie e collegate tramite una membrana interdigitale. La specie è caratterizzata da una coda piuttosto lunga in entrambi i sessi provvista di un’unghia terminale. La coda, infatti, negli esemplari adulti, misura circa la metà della lunghezza complessiva dell'animale. Le principali differenze tra le varie sottospecie di E. orbicularis riguardano le dimensioni, la forma e la colorazione del carapace. In Italia gli esemplari di dimensioni provengono dalla Pianura Padana (hanno un colore verde scuro e il carapace bombato) e dalla Sicilia (colore chiaro), le popolazioni meridionali, invece, hanno di solito dimensioni più piccole, un colore più chiaro e il carapace più piatto.

Dimorfismo sessuale

E. orbicularis: carapace

I maschi hanno dimensioni minori delle femmine e la loro coda è leggermente più lunga di quella delle femmine. I maschi hanno una coda più grossa di quella delle femmine, soprattutto nella parte iniziale, ed hanno l’apertura anale in posizione più arretrata. Nei maschi il piastrone è concavo, nelle femmine,invece,è piatto. Lo scudo dorsale nelle femmine è generalmente più alto di quello dei maschi e di forma più tondeggiante, mentre nei maschi è più stretto davanti e più largo nella parte posteriore. La pelle nelle femmine ha un colore più accentuato rispetto ai maschi; la testa, in particolare, è più picchiettata in giallo e la mascella è spesso completamente gialla mentre nei maschi la mascella è nera e la testa spesso priva di punteggiatura gialla. Le femmine di solito hanno gli occhi gialli, i maschi, invece, li hanno rossi, arancione, gialli, e a volte anche bianchi. Mentre in alcune specie acquatiche, come ad esempio la Trachemys scripta elegans, le unghie delle zampe anteriori dei maschi sono più lunghe di quelle delle femmine, nella E. orbicularis questa differenza non è presente, anche se nei maschi le unghie sono più ricurve rispetto alle femmine. Le differenze tra i due sessi sono distinguibili ad almeno 5 anni di età.

Abitudini

E. orbicularis
durante l' accoppiamento

Da ottobre a marzo l’E. orbicularis sverna principalmente in acqua,preferibilmente nel fango,in uno stato di ibernazione pressoché totale in cui l’animale respira assimilando l'ossigeno attraverso l'epidermide e la cloaca.
In alcuni casi, invece che in acqua, l’E. orbicularis scava la tana nel terreno o tra le radici della vegetazione, oppure si rifugia tra le rocce, ma sempre in prossimità dell’acqua. Il periodo di ibernazione termina quando la temperatura dell'acqua raggiunge almeno i 10 °C. Nei paesi africani le Emys sono attive tutto l'anno. Qualora il caldo intenso dell'estate prosciuga lo specchio d'acqua in cui vivono, sospendono la loro attività e cercano riparo nelle tane aspettando le piogge.
Le Emys non sono buone nuotatrici rispetto ad altre specie di testuggini acquatiche, tuttavia sono legate all'ambiente acquatico nel quale trascorrono gran parte del loro ciclo vitale.
Sono animali piuttosto timidi tanto da rifugiarsi in acqua al primo segnale di disturbo. Sono tartarughe stanziali ed abitudinarie sia per quanto riguarda il territorio di ricerca del cibo che per le zone in cui si riscaldano al sole (termoregolazione); continuano ad utilizzare le tane e i nidi anche negli anni successivi. L’E. orbicularis si può spostare lontano dall'acqua fino a qualche chilometro nel periodo riproduttivo, in cui i maschi vanno in cerca di femmine o le femmine vanno in cerca di un luogo adatto alla deposizione delle uova. Gli esemplari adulti non hanno predatori naturali, ma i piccoli fino ad un paio di anni di età possono essere preda di pesci predatori o di uccelli acquatici. In genere le Emys convivono pacificamente in colonie ma durante il periodo degli amori si possono avere degli scontri tra i maschi, in ogni caso non cruenti.

Regime alimentare

È un animale prevalentemente carnivoro. Si nutre in particolare di lumache, piccoli crostacei, larve di insetti, molluschi, girini, invertebrati acquatici. Non disdegna tuttavia pesci morti o carogne di altri animali né vegetazione acquatica come le lenticchie d'acqua e le ninfee. Anche se occasionalmente la si trova sulla terraferma in cerca di cibo, mangia esclusivamente nell'acqua. Ciò è dovuto al fatto che può inghiottire soltanto sott'acqua.

Riproduzione

L'attività riproduttiva comincia all’inizio della primavera, spesso già in febbraio o in marzo, con l’innalzarsi della temperatura, dopo il letargo invernale.
Nel periodo degli amori i maschi diventano molto aggressivi. Sebbene il rapporto numerico tra maschi e femmine sia alquanto variabile e muti secondo la zona geografica, pare che ciascun maschio riesca ad avere un piccolo harem con 2-3 femmine.

Accoppiamento

L’accoppiamento avviene il più delle volte in acqua profonda almeno una trentina di centimetri ed è generalmente incruento.
Il maschio guida la femmina nell'acqua e le si aggrappa fermamente con le unghie delle zampe ai bordi del carapace, con colpetti del muso sulla testa e sul collo della femmina la costringe a ritirare la testa il che la porta ad alzare e a cacciare ancora di più la coda dal guscio; in questa maniera e bloccando la coda della femmina con la propria, il maschio introduce il pene.
Durante l’accoppiamento, che può continuare per un’ora o più, il maschio si lascia trasportare dalla femmina aggrappato al suo carapace.

Deposizione delle uova

In generale la deposizione delle uova avviene intorno agli inizi del mese di giugno (variabile a seconda delle località), dopo circa 30-45 giorni dall'accoppiamento.
Per trovare un posto adatto alla deposizione la femmina può percorrere anche lunghe distanze, fino a 4 km.
I nidi, comunque, vengono di solito collocati da pochi metri (2-20), fino a poche centinaia di metri (200-500) dallo specchio d’acqua in cui vive. Spesso le femmine tornano ogni anno nello stesso posto. I luoghi preferiti per la deposizione sono di solito asciutti, esposti al calore dei raggi solari, con terra sabbiosa e soffice e vegetazione rada, in prossimità delle rive, tra le radici della vegetazione riparia. Lo scavo del nido e la deposizione delle uova avvengono di solito nel tardo pomeriggio, di sera o nelle prime ore del mattino. Per prima cosa la femmina, scelto un luogo in prossimità della riva, con il lavoro laborioso delle zampe posteriori, scava una buca profonda circa 10 cm; se il terreno è duro lo bagna con acqua raccolta in due sacche lombari che sfociano nella cloaca. Nelle regioni a clima mediterraneo (es.: Mediterraneo, Mar Nero), le femmine possono effettuare fino a 3 deposizioni nel periodo che va da dalla metà-fine di maggio alla fine di luglio. Vengono deposte dalle 9 alle 15 uova (es.: Germania, Ucraina) a 3-8 (Italia), a seconda della taglia della femmina, anche se sono state rinvenute deposizioni con più di 20 uova.
Le uova sono tondeggianti, bianche, dal guscio calcareo, sottile e lievemente elastico; sono lunghe 30-39 mm e larghe 18-22 mm e pesano 6-10g. Dopo la deposizione il nido viene coperto con il terreno che si indurisce chiudendo il foro d’entrata.

La prole

Dopo circa 60-85 giorni in Italia e fino anche oltre 120 giorni (in Europa settentrionale) nascono i piccoli, dotati di un "dente dell'uovo" che utilizzano per rompere il guscio e che scomparirà successivamente una volta assolta la funzione. Qualora il clima non sia sufficientemente caldo, soprattutto nelle regioni europee settentrionali, o in caso di deposizione tardiva delle uova, i piccoli possono uscire dall'uovo la primavera successiva a quella della deposizione. I neonati sono lunghi 30-35 mm cm e pesano 4-6 g, hanno il carapace tondeggiante, molle, carenato, di colore nerastro punteggiato di giallo e una coda molto lunga rispetto alle dimensioni del corpo. L’Emys ha un accrescimento piuttosto lento, specialmente nelle regioni settentrionali. A due anni i piccoli raggiungono le dimensioni di 5-6 cm con un peso di 14-22 g; a 4 anni raggiungono 6-7 cm di lunghezza con un peso di 30-33 g; a 6 anni il carapace misura 7-8 cm e pesano 90 g. I maschi raggiungono la maturità sessuale tra i 6 e gli 8 anni (carapace lungo 8-10 cm), mentre le femmine solo a 15 anni (oltre i 10 cm). La Emys, come tutte le tartarughe, è una specie longeva; in natura si accresce e può vivere fino a 40 anni, in cattività può vivere oltre i 60 anni. Rollinat R. (1934) ha riferito che questa specie può superare i 120 anni. Le femmine sono in grado di deporre uova fertili anche dopo due anni dopo l'accoppiamento. Come in molte specie di rettili, il sesso dei neonati dipende dalla temperatura di incubazione. Con temperature costanti tra i 23 °C e i 27 °C nascono esclusivamente maschi, con temperature tra 29.5 °C e 33 °C nascono esclusivamente femmine, a temperature comprese tra questi due intervalli di temperatura nascono individui di entrambi i sessi.

Sottospecie di Emys

All'attualità sono state identificate 13 sottospecie suddivise in 5 gruppi:

1.                Emys orbicularis occidentalis

o                                            Emys orbicularis occidentalis (Fritz, 1994)

o                                            Emys orbicularis hispanica (Fritz, Keller & Budde, 1996)

o                                            Emys orbicularis fritzjuergenobsti (Fritz, 1993)

2.                Emys orbicularis galloitalica

o                                            Emys orbicularis galloitalica (Fritz, 1995)

o                                            Emys orbicularis lanzai (Fritz, 1995)

o                                            Emys orbicularis capolongoi (Fritz, 1995)

3.                Emys orbicularis hellenica

o                                            Emys orbicularis hellenica (Valenciennes, 1832)

o                                            Emys orbicularis kurae (Fritz, 1994)

o                                            Emys orbicularis orientalis (Fritz, 1994)

4.                Emys orbicularis orbicularis

o                                            Emys orbicularis orbicularis (L., 1758)

o                                            Emys orbicularis colchica (Fritz, 1994)

o                                            Emys orbicularis eiselti (Fritz et al., 1998)

5.                Emys orbicularis luteofusca

o                                            Emys orbicularis luteofusca (Fritz, 1989)


Recenti studi hanno individuato un'altra sottospecie endemica della Liguria, la Emys orbicularis ingauna, invece c'è ancora una discussione sull'inquadramento di un taxon endemico della Sicilia, la Emys trinacris, descritta da Fritz (2005) che, essendo morfologicamente

1.                meno divergente da molti altri taxon di Emys

2.                più che meno divergente nel mtDNA dagli altri taxon di Emys

3.                più divergente in DNA nucleare di alcuni taxon di Emys

sembrerebbe più inquadrabile come sottospecie. Studi genetici hanno respinto la sottospecie Capolongoi riconducendula alla E. o. galloitalica.

Sinonimi e binomi obsoleti

·                     Cistudo hellenica Valenciennes (1832)

·                     Emys iberica Valenciennes (1832)

·                     Emys antiquorum Valenciennes (1833)

·                     Emys hofmanni FITZINGER (1836)

·                     Emys orbicularis Blanford (1876)

·                     Emys europaea Leidy (1888)

·                     Emys lutaria taurica MEHNERT (1890)

·                     Emys tigris SALVATOR (1897)

·                     Emys europaea var. sparsa DÜRIGEN (1897)

·                     Emys europaea var. maculosa DÜRIGEN (1897)

·                     Emys europaea var. concolor DÜRIGEN (1897)

·                     Emys europaea var. punctata DÜRIGEN (1897)

·                     Emys orbicularis aralensis NIKOLSKY (1915)

·                     Emys orbicularis Engelmann et al. (1993)

·                     Testudo orbicularis Linneo (1758)

·                     Testudo lutaria Linneo (1758)

·                     Testudo europaea Schneider (1783)

·                     Testudo punctata Gottwald (1792)

·                     Testudo pulchella SCHOEPFF

·                     Testudo rotunda Merrem 1820

·                     Testudo lutraria Gray (1831)

www.naturaearte.altervista.org