Testudo Graeca Ibera

Carapace con scudi bordati di nero sui tre lati tranne la base dello scudo e una piccola macchietta al centro colore scuro con fondo variabile tra la cornice e la macchietta centrale da giallastro a grigio scuro - nero

Esistono notevoli variazioni individuali che possono portare all’estremità della gamma cromatica ad avere:

Esemplari molto chiari: completamente gialli tranne per la cornicetta nera attorno allo scudo (tranne che alla base dello scudo) e la macchietta centrale nera dello scudo

Riproduzione

Le greche, specie le Testudo Graeca Ibera sono abbastanza "notorie" per l’irruenza e l’insistenza dei maschi nell'accoppiamento, praticamente un maschio in presenza di femmine non fa altro che cercare di accoppiarsi con la femmina e combattere con altri maschi presenti nel territorio.

Il corteggiamento avviene mordicchiando le zampe anteriori della femmina, poi segue la fase di "cozzo": il maschio ritira la testa nel guscio e con rapida spinta delle zampe urta il guscio della femmina, specie da dietro (da non confondere con gli stessi urti praticati a lato per cacciare maschio rivale).

Raramente il corteggiamento dei maschi ferisce la coda della femmina (come spesso avviene per le Testudo Hermanni a causa dell'aculeo corneo caudale), o le zampe, o la testa (come alle volte accade con le Testudo Marginata), in compenso i ripetuti e continuativi cozzi possono seriamente danneggiare le scaglie posteriori della femmina.

Poiché i maschi sono molto pressanti nell'accoppiamento è suggeribile per il benessere della coppia lasciarli assieme solo per pochi giorni all'inizio della primavera e dell'autunno, in quanto il maschio pur di inseguire le femmine arriva a non mangiare e le femmine per non essere stressate dai maschi alle volte arrivano ad interrarsi (e quindi non si nutrono e deperiscono).

I maschi sono da allontanare tassativamente quando la femmina vuole deporre (da inizio di maggio al sud, di solito in giugno al nord). 

La femmina fa solitamente dalle 2 alle 3 deposizioni all'anno scavando accuratamente una buca e ricoprendola, prima di deporre le femmine spesso scavano decine e decine di buche di prova. 

Non disturbate mai una femmina mentre scava, questa quando viene disturbata smette. Una femmina troppo a lungo disturbata per giorni e giorni nella deposizione può arrivare alla ritenzione di uova (è un evento gravissimo che richiede intervento veterinario per salvare la femmina) oppure abbandona le uova sul terreno senza neanche scavare una buca.

Letargo

Questa specie fa il letargo invernale.

Non deve mai essere mandato in letargo un animale malato o sottopeso.

Per il letargo la casetta deve essere riempita di materiale isolante come paglia o foglie secche.

Habitat

Può stare all'aperto anche a nord Italia purché abbia una casetta per rifugiarsi la notte e nel periodo del letargo.

Allevamento

Allevamento

Alloggiamento permanente all'aperto possibile tutto l'anno purché si abbia a disposizione una casetta per l'esterno per le notti fredde e per il letargo invernale.