Pesce pulitore (Hypostomus plecostomus) è un pesce d'acqua dolce, appartenente alla famiglia dei Loricariidae.

Diffusione e habitat

Originario delle acque dolci correnti tropicali sudamericane, è stato recentemente introdotto in molti stati del sud-est asiatico (soprattutto Hong Kong e Singapore) dove è allevato per il commercio in acquariofilia.

Descrizione

La testa è grande, gli occhi sono sporgenti, così come le narici. L'apparato boccale è caratteristico: le labbra si sono fuse a formare una grossa ventosa circolare, al centro della quale appare la bocca. Ai lati della ventosa vi sono due piccoli barbigli. La fronte è alta, il dorso poco convesso. Il ventre è piatto, orizzontale. Il peduncolo caudale è lungo e sottile. Ai fianchi sono visibili placche ossee. La pinna dorsale è alta, le pettorali sono ampie, così come le ventrali. La pinna anale è poco sviluppata. È presente una piccola pinna adiposa, vicino alla coda. La pinna caudale è a mezzaluna, sfrangiata, con la parte inferiore più lunga. Il primo raggio della pinna dorsale e delle pettorali è un aculeo.
La livrea è bruna, marezzata da macchie o strisce più chiare. Una particolarità di questo pesce è la sua attitudine al mimetismo: cambia colore a seconda del sostegno a cui è appoggiato.
Raggiunge una lunghezza di 50 cm, anche se in acquario supera raramente i 30 cm.

Riproduzione

La fecondazione è esterna; le uova sono deposte in anfratti rocciosi o su avvallamenti del fondo. Uno dei due genitori rimane di guardia fino alla schiusa delle uova.

Alimentazione

H. plecostomus si nutre di alghe e piccoli crostacei.In cattività spesso vengono dati delle pillole a base di alghe

Acquariofilia

Da molti considerato necessario solamente per pulire le rocce e i vetri dalle alghe, H. plecostomus è in realtà un pesce che necessita di condizioni ideali dell'habitat, ma spesso non viene allevato come si dovrebbe. È una specie estremamente diffusa e conosciuta. In base ad esperienze personali, è possibile affermare con certezza che un solo esemplare di piccole dimensioni introdotto in un acquario di circa 85 litri netti, è in grado di ripulire il fondo ed ogni altra superficie dalle alghe nel giro di pochi giorni. Rimane tuttavia il fatto che deve necessariamente essere nutrito utilizzando, a tale scopo, appositi mangimi che, depositandosi sul fondo della vasca, gli consentono di mangiare in tutta tranquillità, evitando la competizione con altri "ospiti" dell'acquario. In ultimo non bisogna assolutamente dimenticare che questo loricaride raggiunge notevoli dimensioni in brevissimo tempo.

Pesci

www.naturaearte.altervista.org