PELLICANO CRESPO O RICCIO, Pelecanus crispus Cm. 165 x 254

Classe: Uccelli
Ordine: Pelecaniformi
Famiglia: Pelecanidae
Habitat: acque poco profonde. Piccoli laghi e delta dei fiumi

Descrizione: Il pellicano presenta delle macchie rosse nella zona del gozzo e della sacca, che diventano vivide nel periodo riproduttivo assumendo l’aspetto di ferite. Per questo motivo numerosi artisti del Medioevo dipingevano l’immagine di questa specie per rappresentare i martiri o l’incarnazione della misericordia umana. Questo uccello si nutre prevalentemente di pesce. Non essendo capace di tuffarsi, predilige le acque poco profonde e per catturare le sue prede batte con forza le ali sulla superficie dell’acqua spaventando i pesci in modo da sospingerli verso la riva dove li afferra con estrema facilità. I piccoli del Pellicano crespo hanno piume bianche ed il loro becco ha una forma piuttosto tozza. Vengono nutriti mangiando pesce in precedenza inghiottito e ridotto in poltiglia dai loro genitori; i piccoli prendono il cibo parzialmente digerito nel gozzo, e rigurgitato nelle sacca. 
Conservazione: il pellicano crespo oggi vive esclusivamente nella regione del delta del fiume Danubio. Una volta la sua distribuzione si estendeva dalla Germania alla penisola balcanica ed all’Ungheria. Visto che il numero di esemplari di questa specie è in forte riduzione in natura, il pellicano crespo è stato inserito nel Programma Europeo per la Conservazione delle specie minacciate(EEP), coordinato all’Associazione Europea Zoo ed Acquari.

Home pellicani e specie affini

www.naturaearte.altervista.org