Grifone (Gyps fulvus)

Classificazione Ordine Falconiformi, famiglia Accipitridi.

Caratteristiche Lungo cm 102-109 x 234-277. Comune in alcune regioni montagnose aperte: in volo ha aspetto rettangolare poiché la coda e il capo quasi non sporgono.

Si distingue dalle Aquile per le grandi dimensioni e la coda molto corta e quadrata, e dal più raro Avvoltoio per la coda quadrata e (in buone condizioni di luce) per il colore più chiaro che contrasta con le ali quasi nere. Collare biancastro raramente visibile. I soggetti immaturi sono di un marrone più scuro con collare marrone. Volteggia spesso, a volte in gruppo. Dorme sugli alberi, sovente in stormi. Emette talvolta diverse aspre note e fischi.

Ambiente Zone montuose, con aree aperte; coste rocciose sul mare.

Diffusione Asia, Africa nordoccidentale, Turchia. La popolazione d'Europa è in diminuzione. Ancora discretamente abbondante è quella di Spagna, mentre le popolazioni balcaniche sono calate molto. Popolazioni ridotte sono presenti ancora in Sardegna, Creta. Cipro e Sicilia (dove è praticamente estinto).

Vita e abitudini II Grifone nidifica sulle rocce in cavità naturali, preferibilmente in colonie. Depone un solo uovo, generalmente bianco con eventuali macchie rosso scuro. L'incubazione è fatta da entrambi i sessi e dura 48-54 giorni. Il nidiaceo, nutrito da entrambi i genitori con il cibo rigurgitato, mette le penne entro 70 giorni e compie il primo volo a 110-115 giorni d’età. Il grifone si nutre di carogne. Sia in Spagna che in Sardegna il WWF ha organizzato luoghi d’alimentazione che sono continuamente approvvigionati di carogne per favorire l'alimentazione di questa specie.

 

 

Home      www.naturaearte.altervista.org