Fistione turco (Netta rufina)

Sistematica

Il Fistione turco non ha sottospecie, è monotipico.

Aspetti morfologici

Il maschio adulto è inconfondibile. Ha una testa arrotondata arancione, becco rosso e petto nero. I fianchi sono bianchi, il dorso bruno, e la coda nera. La femmina è quasi tutta bruno pallida, con un dorso più scuro e la sommità della testa e la faccia biancastri.

Distribuzione e habitat

Oltre che in Turchia, è possibile trovarlo anche in Europa, Asia, ed Africa, in Italia nidifica sulla Pianura Padana, ed in Sardegna, sempre nelel vicinanze dell'acqua.

Il loro habitat di nidificazione sono le paludi e i laghi di pianura in Europa meridionale e Asia meridionale e centrale. Sono piuttosto migratori, e gli uccelli settentrionali svernano più a sud e nel Nordafrica.

Abitudini

Cibo ed Alimentazione

Questi uccelli si nutrono soprattutto immergendosi o stando in superficie. Mangiano piante acquatiche, e generalmente si nutrono stando più in superficie della maggior parte delle anatre tuffatrici.

Riproduzione

I fistioni turchi costruiscono un nido in località lacustri tra la vegetazione e depongono 8-12 uova verde pallido.

Spostamenti

Questi sono uccelli gregari, che formano grandi stormi in inverno, spesso misti ad altre anatre tuffatrici, come i moriglioni

Status e conservazione

Lo stato di conservazione del fistione turco nelle isole britanniche è abbastanza confuso a causa del fatto che nel corso degli anni ci sono state molte fughe e rilasci deliberati, così come presenze di visitatori naturali dal continente. Comunque, è più probabile che siano esemplari fuggiti che ora si sono riprodotti in natura ed hanno formato una popolazione selvatica di successo. Sono più numerosi nelle aree intorno all'Inghilterra, tra cui il Gloucestershire, l'Oxfordshire e il Northamptonshire. Uccelli selvatici ritornano occasionalmente in luoghi come la riserva di Abberton Reservoir, nell'Essex.

Acquatici

www.naturaearte.altervista.org