DAMIGELLA DI NUMIDIA (Anthropoides virgo)

Famiglia: Gruidi (Gruidae)

Ordine: Gruiformi (Gruiformes)

Classe: Uccelli (Aves)

CARATTERISTICHE:

Questo Gruide è leggermente più piccolo ed elegante della gru, forse più conosciuta. Il becco

della damigella di Numidia è piuttosto fine e l’estremità è rossa così come il contorno

dell’occhio. Il bel piumaggio è caratterizzato dall’alternarsi del bianco-argenteo e del nero:

complessivamente questo uccello è chiaro con le estremità delle ali grigio scuro-nerastre, così

come il capo e le evidenti e lunghe penne che tinteggiano il sottogola ed il petto; dietro l’occhio

le penne sono bianchissime. Il giovane si distingue dall’adulto per l’uniformità del colore

marrone-grigiastro e per l’assenza del ciuffo di penne pettorali.

Questo uccello è lungo 90-100 cm (il solo corpo 50-55 cm), pesa 2-3 kg e sfoggia un’apertura

alare di 165-185 cm.

VITA ED ABITUDINI:

La damigella di Numidia si è adattata a vivere in ambienti aridi e stepposi, anche sino a 3000 m

di altitudine. I suoi habitat ideali solitamente presentano un facile accesso all’acqua dolce.

Questo Gruide è gregario, e quindi forma gruppi più o meno numerosi, talvolta anche con altri

rappresentanti della famiglia, anche se lo stormo vero e proprio è costituito solo da damigelle di

Numidia.

Durante tutto l’anno la coppia si esibisce in graziose danze, probabilmente per consolidare e

rafforzare il legame; nella stagione riproduttiva queste interazioni divengono più intense e

passionali con piroette, salti, allungamenti del collo e così via.

Tra aprile e giugno sono deposte le uova in un nido piuttosto sguarnito (qualche buca del suolo

talvolta ammorbidita con dell’erba) e di solito posto vicino all’acqua. La cova si protrae per

circa quattro settimane. I giovani sono impiumati e in grado di volare in un paio di mesi.

E’ una specie che migra quando i freddi inverni incalzano. Gli spostamenti sono difficilmente

osservabili perché avvengono ad alte quote e generalmente di notte e, quindi, anche le loro

rotte non sono note.

Si nutre principalmente di piante, ma anche di piccoli animali come gli insetti catturati durante

l’estate. In questa stagione, in quella autunnale ed invernale privilegia le granaglie che trova sui

campi coltivati.

DOVE E’ POSSIBILE INCONTRARE LA DAMIGELLA DI NUMIDIA:

Un tempo era maggiormente diffusa, oggi è presente nel sud dell’ex Unione Sovietica e migra a

sud verso l’Africa settentrionale in agosto.

CURIOSITA’:

E’ una specie monogama e sembra che il legame tra i partner sia per tutta la vita.

Gru e loro affini

www. naturaearte.altervista.org