Didascalia 1

Airone guardabuoi (Ardeola ibis) cm. 50 x 94.

Nidifica soprattutto tra gli arbusti, insieme con altri aironi. Si ciba sui campi o sulle paludi prosciugate, generalmente in stormi e a volte in associazione con le mandrie. Molto erratico nella sua distribuzione, occasionalmente si può incontrare ovunque in Europa.

 

Didascalia 2

Airone guardabuoi Bubulcus ibis

Uccello di medie dimensioni appartenente all'ordine dei Ciconiformi.

Dimensioni. Lunghezza 46-53 cm, apertura alare 90-96 cm

Aspetto. Piccolo airone piuttosto tozzo, soprattutto se confrontato con la garzetta, con collo corto e becco massiccio. Ha una colorazione prevalentemente bianca in tutti gli abiti ed età. Gli adulti in inverno hanno le zampe nerastre e il becco giallo-arancio; in abito nuziale le zampe diventano gialle e parte del piumaggio di vertice, petto e dorso diviene giallo-arancio. Nei giovani il piumaggio è interamente bianco, mentre le zampe e il becco sono prevalentemente neri.

Nidificazione. Nidifica in colonie su arbusti assieme ad altri ardeidi, costruendo un nido a coppa, poco profondo, con rami e di steli di canna.

Note ecologiche. È una specie spiccatamente gregaria in tutti i periodi dell'anno. Si nutre di piccoli vertebrati ed invertebrati che trova seguendo grossi mammiferi al pascolo. È infatti possibile osservarlo a terra mentre cattura le prede smosse dai ruminanti oppure posato sul loro dorso dove ricerca i parassiti della pelle; il bestiame così non solo beneficia della liberazione dai parassiti, ma sfrutta anche l’allarme che gli uccelli danno in caso di pericolo (da qui il nome di “airone guardabuoi”). Spesso è visibile al seguito dei trattori che sarchiano o arano i campi; in queste occasioni si mischia ai gabbiani e ad altre specie che condividono questo tipo di ricerca del cibo. Tipico il suo modo di cacciare che alterna spostamenti lenti, anche con marcato movimento laterale del collo e della testa, a brevi corse. Come tutti gli aironi vola tenendo il collo ripiegato a formare una sorta di “S”, posa che gli conferisce un aspetto ”senza collo”.

 

Aironi e specie affini

www.naturaearte.altervista.org